venerdì 27 gennaio 2006

Di Lucca

Ristorante tradizionale e davvero italiano, Di Lucca offre un'esperienza-pranzo di ottimo livello - ma bisogna sapere cosa scegliere....

Il menù Antipasti italiani, pasta soprattutto fresca, solo 5 pizze, insalate, due sezioni dedicate al vitello ed al pollo, frutti di mare ed i soliti dessert nordamericani (incluso l'oriundo più famoso, il tiramisù).

La carta dei vini Argentini, cileni, spagnoli e - sì - italiani!. Ci sono ma non sono tanti: unico rosso il chianti Ruffino (68,900 la bottiglia) , due i bianchi dei Castelli Romani (a meno di 50,000 pesos). Gli argentini sono abbastanza buoni.

La pizza Anche qui ho provato la margherita, che nella sua semplicità permette di apprezzare gli ingredienti base - pasta, pomodoro, formaggio, cottura etc etc. A Di Lucca, la pizza non è all'altezza del locale: basti dire che la caratteristica più notevole è... il diametro (una quasi basta per due)! L'impasto è decente, ma nè il formaggio nè il pomodoro sono giusti in quantità o qualità... peccato.

La pasta Molto saporiti i Cappelletti di Ricotta e Spinaci ai 3 formaggi e funghi; buone anche le pastasciutte "basilari".

Il caffè No buono. A prima vista, promette bene: la tazzina è piena solo a metà, più o meno due dita, e la sensazione è di trovarsi faccia a faccia con un vero espresso, di quelli che il cucchiaino resta in piedi, ma... il sapore e la consistenza non corrispondono. Da ordinare lungo - almeno è un buon caffè americano!

Prezzo Pizza, coca cola, caffè e propina, tra i 20 ed i 30,000 pesos - medio.

Ambiente Una casa antica, con una bella veranda riscaldata e protetta. All'interno, il piano terra con cucina, bancone e una decina di tavoli, a cui il secondo piano - ricavato lungo le pareti - lascia molto spazio aperto. La musica anni '80 ed italiana (durante il pranzo del 25 gennaio abbiamo ascoltato i grandi successi di Pino Daniele: piacevole).

Servizio Molto buono, quasi impeccabile. Se proprio gli vogliamo trovare un difetto, il parmigiano servito in una saliera non è il massimo.

Bagno Altra leggera stonatura: non troppo pulito, con un pissoir nel bel mezzo di quello che doveva essere il bagno patronale della vecchia casa.

La zona A mezzo isolato dalla Calle 85, lungo la Carrera 13, ed a due passi da uno dei (fu) punti di riferimrnto dell'italianità bogotana, la Gelateria Parmalat. L'area d'influenza è la "Zona T", tre isolati più a nord. I parcheggi - sull'85 - sono vicini.

Svarioni Il menù è ben scritto, senza errori d'ortografia. L'unico appunto è per le fettuccine "Mare e Monte", invece di "Mare e Monti" - un dettaglio.

Pubblicità Solo la "bottiglia suggerita dalla casa" sul tavolo ed un espositore di cartoline gratis: quasi ad-free.

Italianità 65 su 100

Giudizio critico Ambiente piacevole, un menù da esplorare: approvato.

Informazioni Di Lucca - Carrera 13 No. 85 - 32. Tels. 2367301 - 6115665. Bogotà.


Tags:

6 commenti:

pendodeliri ha detto...

ma...non ha niente a che vedere con Lucca? mi ricorda una gita a quattro sulla torre guinigi brrrr :-) a

doppiafila ha detto...

Pendo, nel ristorante non ci sono segni lucchesi, nè toscani... nè di drammatiche gite a quattro! ;-)

Claudio ha detto...

Secondo me è un altro svarione... volevano dire "Di Luca".
CM

Anonimo ha detto...

Well done!
[url=http://mlzbtskf.com/zpzs/ncft.html]My homepage[/url] | [url=http://rhwevjqj.com/fmin/phfy.html]Cool site[/url]

Anonimo ha detto...

Nice site!
My homepage | Please visit

Anonimo ha detto...

Good design!
http://mlzbtskf.com/zpzs/ncft.html | http://nvshszmw.com/dnif/dxqp.html