martedì 10 gennaio 2006

La città vuota - I


Questa sera ho attraversato la cittá: da Chapinero Alto (Calle 56) a La Floresta (Calle 100). Sono 44 isolati che comprendono la stragrande maggioranza della Bogotà bene: il Chicò, Rosales, il famoso "Parque de la 93", l'asse degli uffici dell'Avenida Chile... insomma, una bella "tranche de cité". Erano le 9, ed ho scelto di fare la Circumvalar.

Il mistero: durante l'intero tragitto (di almeno 4 chilometri) ho incrociato solo quattro macchine quattro! Sembrava un film di bioterrorismo ("28 days - attacco a Bogotà"?)... dov'erano i bogotani? C'erano, e sono io che non li ho incontrati? Acceleravano forse disperati per evitare che vedessi i loro fanali rossi all'orizzonte? O mi stavano alle spalle ed evitavano di farsi catturare dal mio retrovisore?

Non lo so. Fatto sta che molto spesso Bogotà pare una città fantasma.



Nella foto: la Circumvalar, subito a valle del prato, di giorno, senza auto...

Nessun commento: