mercoledì 19 aprile 2006

Breve Historia de Bogota - recensione

Quando Jimenez de Quesada fondò Santa Fe, non immaginava certo che - più di 400 anni più tardi - sarebbe stata messa a ferro e fuoco dai suoi abitanti. Come si sia passati da quella fondazione coloniale al "Bogotazo" è l'argomento di questo piacevolissimo libro di Alfredo Iriarte.

L'autore - morto quattro anni fa - iniziò come manager di assicurazioni, e una volta raggiunta la vetta della carriera decise di dedicarsi alle sue due vere passioni: la storia e la lingua spagnola. Anni dopo questa scelta, divenne punto di riferimento in Colombia per la purezza dell'idioma, con la sua colonna "Rosario de Perlas" su El Tiempo, e storico autodidatta. Una specie di De Crescenzo colombiano, insomma (anche se meno divulgatore e filosofo).

Questo libro in particolare nasce come "riassunto digeribile" di una Storia di bogotà in tre volumi curata dallo stesso Iriarte. Gli eventi bogotani sono divisi in tre epoche: dai Muiscas all'Indipendenza; il Secolo XIX ed il Secolo XX fino al 9 Aprile del 1948 (data del celebre Bogotazo). Con un occhio alla politica, uno all'economia ed uno - ben aperto - alla vita quotidiana, Iriarte riesce a rendere scorrevole ed interessante il suo lavoro. Manco a dirlo, la padronanza della lingua è assoluta - al punto che parrebbe di leggere un autore ottocentesco.

Grazie ad aneddoti, storie di corna e duelli, resoconti di privatizzazioni e fallimenti, il lettore riesce a cogliere la natura di una Bogotà che resta "paesone" fino a tutta la prima metà del secolo scorso, e che perde la sua innocenza proprio con i disordini del 9 Aprile.

Senz'altro una lettura consigliata.

DATI BIBLIOGRAFICI
Breve historia de Bogotà
Alfredo Iriarte
Editorial Oveja Negra
Prima edizione Dicembre 1988
ISBN 958-06-0078-3



Tags:

Nessun commento: