sabato 13 maggio 2006

Bogotà, anno del Signore 2.006


Sua Eccellenza Eminentissima il Cardinal Pedro Rubiano Sáenz, nominato vescovo da Sua Santità Paolo VI nel 1971, arcivescovo coadiutore da Sua Santitá Giovanni Paolo II ed in data odierna Presidente della Commissione per la Riconciliazione Nazionale ed Arcivescovo di Bogotà, ha ricordato ai cinque magistrati della Corte Costituzionale di Colombia che hanno votato a favore della depenalizzazione dell'aborto in casi di rischio per la salute della futura madre che la pena prevista dalla chiesa Cattolica per chi favorisce l'aborto è la scomunica.

"La pena non va comunicata, né comminata: chi favorisce l'aborto è ipso facto scomunicato", dice Sua Eminenza, ed ai giornalisti preoccupati per la sorte dei cinque nell'aldilà risponde in perfetto stile Vecchio Testamento:"A buon intenditor, poche parole".

Santa Fé de Bogotá, Anno Domini MMVI

Nessun commento: