sabato 17 giugno 2006

Bogotalia ai Mondiali

Ebbene sí, anche un blog specializzato come questo si permette un rapido riferimento ai Mondiali tedeschi (sempre con un occhio alla relazione Italia - Colombia, naturalmente...).

Ho appena finito di vedere Italia - USA (come altri milioni d'Italiani) e sono abbastanza scontento della qualit di gioco della Nazionale (come altri milioni d'Italiani). Mi piacerebbe che tutti questi "altri milioni d'Italiani" sentissero la stessa vergogna che sento io per la gomitata di De Rossi, ed a loro voglio dire che questi sono episodi che perpetuano l'immagine che abbiamo all'Estero di popolo rissoso e incapace di controllarsi. La gran massa delle persone - infatti - si nutre solo di televisione, e dell'Italia finisce per conoscere meglio la Nazionale che il Governo...

Altra notazione sull'incontro: incredibili le pubblicitá rivolte ai guerriglieri! Ogni quarto d'ora, lo speaker taceva per far partire un nastro di una decina di secondi, con un messaggio del Ministero della Difesa che invita gli "alzados en armas" colombiani a smobilizzarsi.
I testi contengono giochi di parole riferiti al mondo del pallone:
- "Guerrillero! Hagale un pase a la paz y desmovilicese!" (passa alla pace)
- "Entre a la mejor selección del mundo: Colombia!!" (vieni a giocare in Nazionale)
- "No permita que le saquen tarjeta roja" (non ti far espellere) e
- "Deje en fuera de lugar a la violencia" (lascia la violenza in fuorigioco).
L'ultimo spot chiarisce che il Governo offre denaro, salute ed opportunitá di lavoro: e allora - dopo i tre fischi dell'arbitro - tutti alla piú vicina stazione di polizia (fosse anche a 400 chilometri di distanza)!



Nessun commento: