sabato 5 agosto 2006

Verso un espresso all'italiana


Le riviste Catering e Elgourmet.com stanno organizzando il primo Concorso Nazionale per Baristi (e la parola spagnola è proprio "baristas", che qui suona assolutamente esotica).

L'idea è chiudere il divario tra coltivazione e produzione di caffè da un lato ed abilità nel prepararlo dall'altro. Non pare "giusto", da queste parti, che l'Italia sia considerata una delle maestre del caffè senza che nel suo territorio se ne coltivi una sola piantina, o che gli Stati Uniti (vedi sopra per le piantine) siano diventati potenze nel marketing dell'arbusto.

L'idea è buona, la strada lunga: la tardizione colombiana vuole che il caffè si serva solo come "tinto", ovvero macinato filtrato attraverso un colino di panno (o una macchina industriale, nel peggiore dei casi). A parte le classiche combinazioni (molto latte, poco latte, grande, piccolo, eccetera) non ci sono particolari specialità, neppure nell'eje cafetero - la zona che in gran parte vive di questa pianta.

Il Campionato si terrà a fine Agosto, e subito proveremo per voi l'espresso del vincitore!




Nessun commento: