sabato 19 maggio 2007

Biografia no autorizada de Álvaro Uribe Vélez - Recensione

Di questo libro in Colombia non si parla molto. Chi conosce il paese e/o segue Bogotalia sa perché e non è sorpreso: pubblicato a pochi mesi dalle (prime) elezioni vinte da Uribe, conteneva un esplicito invito a non votarlo. Le storie di narcotraffico della famiglia, il passato politico burrascoso, la vicinanza al paramilitarismo sono altri robusti motivi per cui questa biografia non è argomento di conversazione nei circoli ufficiali. Leggendola, però, ho scoperto che c'è un altro motivo, forse il più importante di tutti...

25 Marzo 1992. A pochi mesi dalle presidenziali colombiane, la rivista Newsweek pubblica un'intervista ad Álvaro Uribe Vélez, il candidato-sorpresa nei sondaggi. Il giornalista, Joseph Contreras, inzia da temi generali ed arriva, inevitabilmente, ai legami di Uribe e dei suoi alleati politici col narcotraffico e col paramilitarismo. L'irritazione del candidato cresce fino a che sbotta - "Non parliamo più. Vedo che lei è venuto a macchiare la mia carriera politica" - si alza e se ne va. L'intervista è finita, ma non l'interesse di Contreras: meno di tre mesi dopo pubblica "El Señor de las Sombras" (Il Signore delle Ombre), la biografia non autorizzata (e ci mancherebbe) dell'attuale presidente della Colombia.

Non si tratta di un libro troppo diffuso (la casa editrice si chiama "Oveja Negra", pecora nera), ma neppure di un testo clandestino: la mia copia l'ho comprata all'ultima Feria del Libro, prelevandola da una pila in bella vista nello stand, e quando me l'hanno consegnata nessun poliziotto in borghese mi ha seguito per i corridoi (credo).
Credo che non se ne parli per due ragioni: una banale ed una che si scopre solo leggendolo.
La ragione banale ha a che vedere con la società colombiana: l'opposizione è come uno stereo senza casse, può suonare qualsiasi disco che tanto non lo sente nessuno. Fuor di metafora, la mancanza di accesso ai mezzi di comunicazione impedisce ai temi non-mainstream - tra cui la critica ai governanti - di giungere alle orecchie della "gente".
La ragione che ho scoperto durante la lettura è che si tratta di un libro scritto di fretta, lasciato quasi in bozza, in cui spesso l'autore non dimostra le proprie affermazioni: un "instant book" che - una volta eletto Uribe - ha perso buona parte della propria ragione di esistere.

Per carità, di cose interessanti ce ne sono: la storia di Uribe sindaco di Medellin, per esempio, e della sua precipitosa cacciata dopo soli 4 mesi; le questioni di elicotteri, sia quello che Pablo Escobar avrebbe prestato al giovane Uribe che quello del padre trovato in un laboratorio di cocaina; la vittoria elettorale di strettissima misura ( meno di 1.000 voti!) per il posto di Governatore di Antioquia, risolta a suon di urlacci e guardie del corpo nelle stanze del centro di computo.

Poche però sono le sorprese, gli episodi dei quali non si parli comunque - seppure in sordina - su internet, all'estero o sui poco diffusi media d'opposizione (magari nel 2002 lo erano, chissà). La mancanza di prove per alcune affermazioni e la superficialità di certe accuse, poi, sottraggono credibilità a tutto l'"impianto accusatorio" dell'opera. Quando Contreras parla di "testimoni che spariscono", dovrebbe quanto meno citare i nomi e le circostanze della sparizione.
Per non parlare del fastidio che nasce dall'edizione pressapochistica: in alcune pagine, mancano addirittura delle cifre, che evidentemente l'autore doveva ancora ricercare e che sono sostituite dal segno convenzionale XXX...

Intendiamoci: a chi fosse interessato al tema colombiano suggerisco senz'altro la lettura di questo "Signore delle Ombre", per completezza bibliografica, per il vantaggio di avere tutte le Uribiadi in un solo tomo (almeno quelle pre-2002...) e come omaggio al coraggio di Contreras, che deve aver sofferto non poco per aver sferrato questo "attacco frontale" (perché così è stato interpretato) al futuro presidente.

Non è però un bel libro, né un'indagine giornalistica particolarmente profonda o brillante.

Biografía no autorizada de Álvaro Uribe Vélez - el Señor de las Sombras
di Joseph Contreras e con al collaborazione di Fernando Garavito
Editorial Oveja Negra
Prima edizione Maggio 2002
280 pagine

Nessun commento: