martedì 15 maggio 2007

Ingorgo di notizie

In Colombia sta succedendo di tutto, ed è impossibile tenere il passo di questa mandria impazzita di notizie, una più importante dell'altra. Rinuncio quindi a scrivere un post meditato e privilegio l'immediatezza: eccovi un "salpicón", una macedonia, degli ultimi sviluppi.

- Salvatore Mancuso ha parlato per 8 ore coi giudici della "giustizia e pace" a Medellín; ha coinvolto generali e politici, e i due nomi più altisonanti sono - come anticipato - quelli di Juan Manuel Santos e del cugino Francisco, rispettivamente ministro della Difesa e Vicepresidente della Repubblica. Nessuno dei due ha rilasciato dichiarazioni, nonostante siano passate alcune ore dalla "rivelazione" dei loro nomi. Solo Juan Manuel avrebbe detto a Caracol TV che Mancuso fa riferimento ad una riunione "ufficiale" sulla quale ha già dato spiegazioni (vedremo domani come si sviluppa la cosa).

- la rivista Semana ha pubblicato una serie di intercettazioni ai telefoni cellulari di alcuni paramilitari in carcere ad Itagüí. L'articolo intitolato "ti chiamo dal carcere" ha sollevato un polverone - giustificato - per i seguenti motivi:
a. i paramilitari coinvolti perderanno i benefici della legge "Giustizia e Pace" se fosse dimostrato che hanno continuato a delinquere dopo l'inizio del "processo di pace".
b. La memoria de La Catedral, la prigione di lusso dalla quale Pablo Escobar faceva il bello ed il cattivo tempo, é ancora molto viva nella memoria dei colombiani, ed Uribe non vuole certo subire la stessa umiliazione pubblica che toccò a Gaviria all'inizio degli anni '90.
c. Semana non chiarisce chi abbia portato a termine le intercettazioni... ma questa è la terza grande notizia!

- Pare che sia stata... la Polizia! E che le intercettazioni riguardassero anche politici dell'opposizione, giornalisti ed esponenti del Governo! E che andassero avanti da due anni!!! Incredibile. Juan Manuel Santos, come Ministro della Difesa (la Polizia è infatti militare), ha preso in mano la situazione ed ha destituito ben 12 generali sui 20 in servizio attivo. Questo - peró - senza chiarire né chi abbia disposto le intercettazioni, né chi abbia ricevuto i rapporti e per farne cosa, né chi siano (state) le persone intercettate. Il nuovo capo della polizia è il Generale Naranjo, al quale non tarderanno di far notare che non é carino avere un fratello condannato per narcotraffico: ma tant'è.

- Il caso delle intercettazioni getta poi una luce inquietante sulle dichiarazioni del Presidente Uribe di qualche settimana fa. Durante il suo intervento a reti unificate successivo al "debate" promosso da Gustavo Petro sui suoi legami coi paramilitari, Uribe affermò che "fonti d'intelligenza militare" gli assicuravano che alcuni politici dell'opposizione lavoravano per far fallire il TLC con gli Stati Uniti. come lo sapeva? Queste finti d'intelligenza erano forse le intercettazioni disposte dalla Polizia e fatte emergere da Semana? Su questo punto i media non osano spingersi...

- La Magistratura e la Corte Suprema - intanto - hanno provveduto a far incarcerare all'unisono buona parte dei firmatari del Patto di Ralito, il documento del 2001 la cui rivelazione ha dato inizio allo scandalo della "parapolitica". Risultato: altri 5 parlamentari in galera, più qualche ex, più più più... Parrebbe che la profezia di Francisco Santos si stia avverando: "saranno 70 i parlamentari coinvolti nella parapolitica" - vedremo.

- In mezzo a questo bailamme, Uribe ha deciso di annunciare un indulto per i guerriglieri delle FARC, come gesto di buona volontà per stimolare l'intercambio umanitario, ovvero lo scambio tra questi guerriglieri ed i cosiddetti "canjeables" (scambiabili), i sequestrati ancora in mano alle FARC. Questo gesto di buona volontà ha fatto discutere, nel bene e nel male: notizia buona per chi vuole vedere un Uribe meno "mano dura" e più "corazón grande", un po' sorprendente per chi sa che non sarà facile trovare il percorso giuridico per rilasciare questi detenuti.

- neanche menziono l'intervista rilasciata da Salvatore Mancuso a Natalia Springer, in cui il capo paramilitare - tra le altre cose - afferma di aver ricevuto pagamenti da tutte le aziende bananiere, e non solo da Chiquita: capirete che si tratta di un tema minore.

- in questo momento - in diretta per i lettori di Bogotalia!! - Uribe è di nuovo a reti unificate, e sta parlando.... del Giorno del Maestro!!! Cambierà discorso e toccherà almeno uno dei temi caldi del giorno? Vedremo - ma ne dubito: la capacità di far finta di nulla è fondamentale per sopravvivere a questa tempesta...

1 commento:

Die ha detto...

Ora mi comincio a chiedere chi sia peggio ... Berlusconi o Uribe & Co.? mahh ... sicuramente i secondi per essere varie persone, ma guarada che le ultime dichiarazioni del Berlusca sono da vero deficente, comunque ... ti faccio un piccola segnalazione positiva che fuoriesce dai temi trattati: sembra che Bogotà sia di esempio mondiale, per l'introduzione di mezzi di trasporto urbano a Gas naturale, gia che il Protocollo di Kioto comincia a far pressione sui paesi europei per ridurre le quote di emissione di biossido di carbonio, CO2, facendo quindi riferimento al Transmilenio, o meglio conosciuto tra i Bogotani come "Transmilleno", fatto sta che ce ne dobbiamo sentire orgogliosi! Bella! Ciao Doppia ... come sempre informatissssssimo! Dovresti farlo tu il Tg in Colombia cosi tutti i colombiani sapremmo veramente cosa succede! complimenti!