domenica 24 giugno 2007

Perplessità

È ciò che provo leggendo la prima pagina de El Tiempo (edizione su internet) di oggi.

Poiché viene aggiornata varie volte al giorno, alle 16:45 ora locale ne ho catturato uno screenshot che ho riportato qui a destra.

Mi stupisce l'ordine assegnato alle due notizie del giorno. L'apertura della pagina è per la morte di un uomo e di sua nipote in un attentato a Buenaventura. L'altra notizia (riportata in seguito) riguarda un altro attentato, in Libano, nel quale perdono la vita sei caschi blu, tre dei quali sono colombiani.

Perché "El Tiempo" - unico quotidiano colombiano - assegna quest'ordine d'importanza alle notizie?
La notizia proveniente dal Libano ha tutti gli elementi che compongono il pezzo interessante:
- è fresca (delle 2:50 PM, quaranta minuti più fresca dell'altra);
- è tragica (più dell'altra: 6 morti contro 2);
- è rilevante per il pubblico locale (3 colombiani uccisi, vs 2)
- è nuova (ci sono molti meno morti colombiani in Libano che in Colombia).

Come dicevo, sono perplesso.

PS: e perchè El Tiempo non ha le foto, che invece troviamo su Repubblica (che - naturalmente - mette l'articolo in massimo rilievo sulla sua pagina, come dimostrato dalla schermata a sinistra)?
Ed i tre caschi blu sono colombiani (versione de El Tiempo) o di origine colombiana (versione de La Repubblica)?

Mah.

4 commenti:

Flavio Ferrari ha detto...

E você ainda perde tempo com isso ?
Dê uma olhada nas primeiras páginas dos jornais brasileiros de qualquer dia e veja, conhecendo o Brasil como você conhece, se concorda com o critério de relevância ...
Jornalistas Jr. + Agências de Notícia = Jornalismo pasteurizado

Julián Ortega Martínez ha detto...

Nelle troppe spagnole c'è dei soldati colombiani, Doppia. Qui c'è il articolo completo d'EFE (El Tiempo solo riproduce un tramo).

Noi due conosciamo il giornale dei Santos. Perciò, non capisco la tua perplessità...

Loreanne ha detto...

Mi sa che l'ordine e le priorità, da tempo, anche in Italia, non siano più dettate dalla logica che il lettore "normale" s'attenderebbe.
Ciò vale sia per la carta stampata sia per la televisione.
Meno male che esiste Internet!

doppiafila ha detto...

Vedo che i miei lettori da tutte le latitudini si stupiscono del mio stupore... Rivendico con forza il valore dell'ingenuità! :-)
Un saluto a tutti, Doppiafila
PS: Flávio, gostei da equaçao... ;-)