giovedì 25 ottobre 2007

Pablo Escobar al cinema

Si riaccendono le voci sulla produzione cinematografica di "Killing Pablo", il reportage di Mark Bowden sulla caccia ll'uomo che culminò nel 1993 con l'uccisione del "Patrón".


Il film é giá su IMDb, la pagina dedicata all'industria del cinema, e viene dato in uscita nel 2009. Il ruolo di Escobar dovrebbe essere affidato a Javier Bardem (spagnolo, nella foto a destra), mentre Christian Bale (di American Psycho) sarebbe Steve Jacoby, il maggiore delle forze speciali americane che venne distaccato in Colombia per un anno sulle tracce del capo del "Cartel de Medellín".
Circolano voci anche sulla partecipazione di Antonio Banderas, nel ruolo di un avvocato colombiano.

8 commenti:

Francesco ha detto...

Doppia,vc ainda fala di Escobar...?depois dizen che quando parli di Colombia metti in risalto solo quell'aspetto...Scherzo,"fresco compadre".Hai sentito:il "nostro paesano" Mancuso si è beccato 40 anni di galera per l'omicidio di un sindacalista.Secondo te resterà in carcere dopo il 2010?
Saluti dal Santander

Die ha detto...

Speriamo che non vada a finire come anni fa quando si vedevano ragazzi, in Italia, che indossavano magliette allusive a Pablo Escobar, facendo moda con un argomento molto delicato che qui in Colombia ha lasciato molte vittime e un ombra persistente oggi giorno, nel governo, come nella societa colombiana. Comunque sono molto curioso di vedere il film per vedere quanta realta e veridicita vi sia nella pellicola, a parte questo l'attore scelto per il ruolo di Pablo non gli somiglia per niente, vedremo comunque ...
Saluti Df!

doppiafila ha detto...

Ciao Francesco, lo so che schersi, ma é incredibile come l'unica cosa per la quale si parli di Colombia sia la droga! Qui a Londra solo Doris Salcedo aiuta l'immagine del paese, il resto sono i grandi capi, del presente o del passato...
Saluti, Doppiafila

doppiafila ha detto...

Ciao Die, hai ragione, non gli somiglia affatto.. aspettiamo a vedere come lo truccano! :-)
Saluti, Doppia

Francesco ha detto...

Roger caro doppia, peró é interessante notare come alcuni dati parlino proprio di come il Regno Unito sia uno dei maggiori investitori qua in Colombia anche se la differenza tra "paese reale" e alcuni settori finanziari ed industriali,penso sia molto papabile anche in Gran Bretagna e quindi certe percezioni di alcuni argomenti possono anche differire trattandosi di un paese come questo...Le volte che sono tornato in Italia,quando finanzieri ed agenti della dogana vedevano da dove proveniva il mio bagaglio, mi invitavano a seguirli in uno stanzino annesso e mi aprivano la valigia..."Ma come lei vive in Colombia?" domanda piú ricorrente...
Saluti dal Santander

Die ha detto...

é un classico arrivare a Barajas o Malpensa, ed avendo provenienza colombiana, che ti si tratti in un certo "modo", molto discriminatorio per certo ...

doppiafila ha detto...

Eh sí, é proprio incredibile.... perché tanta discriminazione? Solo perché dalla Colombia si esporta l'80% della cocaina mondiale? :-)

Die ha detto...

In efftti é motivo sufficente per essere "controllati" pero ...