sabato 16 febbraio 2008

Avanti cosí

El Tiempo riporta in un'articolo a firma Pongutá Puerto le reazioni della stampa italiana alla marcia del 4 Febbraio ed alla situazione colombiana in generale. Il titolo (abbastanza sgrammaticato in spagnolo) potrebbe essere tradotto come "la stampa socialista italiana rifiuta le pratiche violente delle FARC" e nel pezzo si fa riferimento all'articolo di Mosen Naim su l'Espresso, agli speciali di RAI su Ingrid Betancourt e molto ad un pezzo di Roberto Lovari su l'Avanti!

Non conoscevo il Lovari, ma l'ho trovato un personaggio interessante (almeno dopo 5 minuti di ricerca su Google): cura una rivista online sull'America Latina ed ha scritto una guida di Salvador de Bahía (oltre ad essere politico da anni per i socialisti e per Forza Italia). Interessante.

3 commenti:

Roberto ha detto...

la cosa interessante è che la politica colombiana cambia completamente a seconda di chi ne parla e credo questo sia un caso unico.in italia si può parlare bene o male di uno o dell'altro ma i fatti stanno li e sono chiari, della colombia ognuno decide liberamente come stanno le cose.
la notizia riportata da Lovati secondo cui le AUC hanno abbandonato le armi è un'esempio della libera e fantasiosa interpretazione.sul fatto dei terroristi narco-comunisti riferito alle FARC anche qui si può discutere,in particolar modo riguardo agli affezionati "clienti" statunitensi ed alla facilità con la quale la coca entra negli USA

Anonimo ha detto...

Realmente he seguido los artículos desde Italia y ninguno muestra la realidad de Colombia. Sin embargo veo que su trabajo en este blog no da ningún aporte porque lo único que veo que usted hace es pegar y "fusilar" información de otros medios. Esto lo convierte es un simple plagiador de INTERNET y nos nos ofrece ningúna posibilidad de ver temas que sean novedosos. Nos gustaría ver noticias de análisis, que pasa con los italianos que viven en Colombia, si todos son tan mediocres o si existe algún Italiano en Colombia que no vaya solo en busca de los traseros colombianos y la cocaína. Que pasa con el intercambio comercial, que Empresas Italianas están en Colombia, como nos ve la prensa italiana, que informaciones de Italia se registran en Colombia, que pasará con el cambio de gobierno italiano, es bueno para Colombia???? .. Creo que esto si sería un aporte y no pegar lo ya publicado porque así no avanza. Acepte este consejo de este ávido de información más si se autodenomina como un canal entre Colombia e Italia. Espero que no me censure y publique este comentario.. Tanti Saluti

doppiafila ha detto...

Caro anonimo, no tengo razón para "censurar" este comentario, porque esta vez usted no me calumnia ni me insulta. Cordiales saludos, Doppiafila