mercoledì 5 marzo 2008

La marcia del 6 Marzo

Trovo finalmente il tempo (poco) di scrivere di questa marcia (é domani)!

In primo luogo i principali dati:

6 MARZO 2008 - Roma, Piazza Campo dei Fiori - ore 16:30
Giornata Internazionale dedicata alle vittime del Paramilitarismo, della Para-Politica e del Terrorismo di Stato in Colombia.
PROMUOVONO: Comitato “Carlos Fonseca”, Rete italiana di solidarietà Colombia Vive, Associazione A SUD, Confederazione COBAS, Cobas Bologna, Colombiani in Italia.

Poi un breve commento: secondo me questa "marcia" non andava organizzata, né in Colombia né all'estero. Non perché non si debba protestare anche contro questi crimini (dove per anche s'intende che le FARC non sono l'unico problema in Colombia...): anzi, secondo me il paramilitarismo ed il terrorismo di Stato sono problemi molto piú seri della guerriglia delle FARC perché interni al sistema.
La marcia non andava organizzata perché sará meno "un successo" di quella del 4 Marzo, e questo si tradurrá in una facile (ed interessata) lettura: le FARC sono un problema piú grande dei paramilitari e del parauribismo.

Non posso immaginare che favore piú grande si possa fare ad Uribe...

8 commenti:

Batlic Man ha detto...

...una marcia effettivamente molto "a punto interrogativo", pochissimi ne parlano e meno ancora probabilmente vi parteciperanno.....

Melina2811 ha detto...

Melina2811 è sempre presente...

Anonimo ha detto...

Sono stato alla marcia,qua a Bucaramanga:non c'era tantissima gente,complice il mal tempo(il presidente ha fortuna anche in questo) ma francamente pensavo peggio...i soliti insulti a Uribe ecc.,la cittá guardava un pó indolente...Doppia, per quanto riguarda la paura di parlare da parte dei colombiani,sai bene,avendo vissuto qua che vi é modo e modo di rischiare:finché non si fanno nomi,non si rischia quasi per nulla...anzi da quando i "vecchi" capi para sono ad Itaguí é quasi di moda sparlare del paramilitarismo senza peró scendere in particolari...Non ricorda un pó l'Italia del sud attanagliata dalla criminalitá organizzata?dove dire a Palermo vi é la mafia o a Reggio c'é la ndrangheta é come sparare sulla croce rossa...i problemi cominciano quando si toccano certi meccanismi e chi lo ha fatto qui come nel sud Italia se ne sta al campo santo.
Saluti dal Santander.
Francesco

doppiafila ha detto...

Cari lettori, grazie delle testimonianze! Ci sará qualcuno che é stato alla marcia di Roma?? Sono curioso!
Baltic, é andata un po' meglio del previsto, no?
Ciao Melina, é sempre un piacere! ;-)
Francesco, hai ragione sul "modo e modo"... ma a te non colpisce un po' l'assenza di blog di sinistra? A me sí, un po'...
Saluti, Doppiafila

olu1 ha detto...

Paolo,te equivocaste en tu nota? O fui yo la que no entendi lo del 4 de marzo.

Bien, en todo caso te respondi en mi blog.

AnnalisaM. ha detto...

Scusa Doppia se rispondo con ritardo, sono stata a quella di Roma ovviamente, non c'era tantissima gente, anche perchè pioveva, non è stata una marcia ma un sit-in a Piazza Campo dei Fiori. Giordano Bruno è stato avvolto dagli striscioni...c'era l'Associazione ASud, l'associazione Colombia Vive e Narni per la Pace che appoggiano le comunità di Pace, il comitato Carlos Fonseca e i Colombiani in Itali del Polo Democratico, nonchè la sottoscritta ....sono stati distributi volantini,paralto con qualcuno che si era fermato interessato e fatto amicizie interessanti. a Torino invece hanno organizzato un'iniziativa che ha avuto il sostesgno di Amnesty che è durata dalle dieci della mattina fino al pomeriggio, hanno affisso le foto delle vittime della violenza e distribuito informazioni.
Le foto sia di Roma che Torino sono sul sito della Agencia Bolivariana de Prensa.
Saludos.

Gianluca Bifolchi ha detto...

Francesco, hai ragione sul "modo e modo"... ma a te non colpisce un po' l'assenza di blog di sinistra? A me sí, un po'...
Saluti, Doppiafila


Questa restrizione vale solo per gli esseri umani.
In effetti in Colombia i cani possono tranquillamente gestire siti di sinistra e antimperialisti.

Cliccare per credere:

http://molierico.blogspot.com/2008/03/jefes-paramilitares-obligaban-sus.html

doppiafila ha detto...

Annalisa, grazie del reportage! Mi dispiace di non aver potuto seguire da vicino la marcia del 6 Marzo, e di aver trattato il tema in modo un po' superficiale... Per fortuna ci sono i commenti... perGianluca, grazie del Link! mi sono abbonato al sito e lo leggeró nei prossimi giorni.Saluti, Doppiafila