venerdì 12 settembre 2008

Continua la "fase due"

Come dicevo nel post precedente, i media colombiani iniziano a suggerire ai propri lettori che "forse qualche rischio c'é". É il segnale che - in verita - la crisi e giá cominciata da un pezzo, che le brutte notizie non si possono continuare a nascondere e che bisogna cominciare a suggerire l'esistenza di qualche leggera imperfezione nell'altrimenti perfetto ed oliato meccanismo dell'economia colombiana (la fase due appunto).

Portafolio (il quotidiano economico de El Tiempo) continua a farci vedere come si fa: il titolo di oggi ("La caduta dei prezzi del petrolio e delle materie prime potrebbe ridurre la crescita") é un esempio di understatement.
In soldoni: le esportazioni colombiane "rischierebbero" di diminuire in quantitá (perché Venezuela e Stati Uniti, i due grandi importatori, sono in crisi) ed in valore (per la discesa delle quotazioni) - e se questo "dovesse" accadere "sarebbero" guai.

Grossi.

Nessun commento: