martedì 27 gennaio 2009

Giornalismo cosí cosí

El Espectador mi fornisce un esempio di pessimo giornalismo ed io lo registro, per la posterità.

Il titolo dell'articolo é "La Colombia viene giudicata 'eccellente' sul turismo". I lettori di Bogotalia riconosceranno un tema a me caro, il BAE - o Bisogno d'Approvazione Esterna. Non importa chi sia o cosa rappresenti (e neanche - a ben guardare - cosa dice esattamente), ma basta un accenno di positivitá rivolta "alla patria" per fare un bell'articolo patriottimista.

In questo caso a parlare é Germán Porras, (ex?) funzionario pubblico dedicato al turismo e che - essendo nato a Toledo (Spagna) - conferisce alle proprie opinioni l'aggettivo ("esterno", straniero) che tanto piace alla stampa colombiana.

Il signore ha detto (virgolettato da El Espectador): "se le dicessi che [il voto] é eccellente con lode, [lei] direbbe che é [un giudizio] interessato. Ma ci andiamo molto vicini".

Mille domande e nessuna risposta: perché si tratterebbe di un giudizio interessato? Perché usa la prima persona plurale (noi) se non é colombiano? Il Dottor Porras é forse pagato dal Governo colombiano per promuovere l'immagine del paese? Non sarebbe il caso che El Espectador riferisse di questo particolare?
E come fanno a richiamare nel titolo un concetto che il Porras stesso squalifica come non valido? E la Colombia é eccellente (titolo) o "sfiora l'eccellenza" (come suggerisce l'occhiello)?

E perché - perché? perché???? - e qui m'indigno - devono pubblicare la seguente doppia baggianata? "Il turismo é diventato il terzo settore per esportazioni nel 2007, dopo il petrolio ed il carbone" se:
a) il turismo non é una voce delle esportazioni e
b) anche se lo fosse, in quell'anno sarebbe stato superato anche dal settore industriale, alimenti e bibite e dalla metallurgia basica (come si verifica moooolto facilmente entrando nel sito del DANE)????

Siamo forse di fronte all'ennesima, squallida, mediocre velina?

6 commenti:

Julián Ortega Martínez ha detto...

Hay que hacer una aclaración, ala. El artículo en realidad es un cable de agencia EFE, así que el lodo sobre lo que diga el texto les cae a ellos. Pero el titular de El Espectador sigue siendo impreciso. El mismo cable aparece en Invertia (portal económico perteneciente a Terra/Telefónica) titulado Colombia roza el sobresaliente cum laudem en turismo. Ojalá esa cosa no salga en el impreso de mañana. Qué desperdicio de tinta sería.

doppiafila ha detto...

Hola Julián, gracias por la aclaración. Es un gusto saber que vienes a vistar a Bogotalia, de vez en cuando. Saludos, Doppiafila

Anonimo ha detto...

Esta cada vez mas floja la prensa colombiana. Yo me aburri de comentarla, y ya me estoy aburriendo de leerla...

saludos, Paolo!

o-lu
http://socioenlinea.blog.lemonde.fr/

doppiafila ha detto...

Que lastima! Talvez debería empezar a leer solo cosas com Equinoxio, en vez de empezar por El Tiempo y El Espectador...
Saludos, Doppiafila

El peregrino ha detto...

Ciao. Nonostante il fatto che il mio italiano non sia molto buono, voglio lasciare la mia opinione. Questa lettura mi ha fatto ricordare le parole de Camilo José Cela. Diceva questo scrittore espagnolo: “Il nazionalista ritiene che il suo luogo di nascita è il migliore del mondo e questo non è vero. Il patriota crede piutosto che il luogo dov’è nato merita tutto l'amore nel mondo, e questo, si è vero”. Ci face male il nazionalismo esacerbato che viviamo qui, nel paese del Sacro Cuore. Il nostro sentimento di patriote diventa, molte volte, un narcisismo chiuso e inocente.

doppiafila ha detto...

Ciao El Peregrino, mi é piaciuta molto la frase di Camilo José Cela - sono completamente d'accordo e credo che entrerá tra le mie frasi favorite... Approfitto per dirti che ho scoperto il tuo blog e ti seguiró via reader.
SAluti, Doppiafila